Osteopatia

L’osteopatia nasce negli USA nel 1874, da un’intuizione del medico A. Taylor Still. E’ un sistema di diagnosi e trattamento basato sui cardini della medicina, anatomia, fisiologia ecc., ma senza uso di farmaci. Infatti attraverso manipolazioni e manovre specialistiche valuta e cura le diverse patologie che interessano l’apparato neuromuscolo-scheletrico, viscerale (attività diretta alla mobilità degli organi) e cranio-sacrale (correlazione sacro, colonna, cranio). E’ una metodologia olistica per cui il terapeuta considera l’essere umano come entità unica: mente-corpo, quindi una unità funzionale dinamica. Inoltre ricerca sempre l’equilirbio tra struttura e funzione per condurre il corpo ad una diffusa sensazione di benessere. Un’attenzione particolare è comunque data ai processi di autoregolazione e autogenerazione. I principali metodi di trattamento osteopatico sono la tecnica strutturale che interviene nella mobilità della struttura ossea. La tecnica cranio-sacrale per determinare un movimento di concordanza fra ossa craniche e osso sacro. La tecnica viscerale che agisce sulla mobilità diaframmatica e corregge il disordine legato all’organo che così ritrova la sua normale funzionalità.